Out of the blue


Giugno. Allenamento in assetto costante con Robertino 2 miglia al largo di Arma di Taggia, in Liguria. Uscita in coppia con il gozzo gentilmente prestato dal grande Ivano.

Cavo teso nel blu pullulante di plancton, facciamo delle ripetute. Robertino prova a scendere ad una quota discretamente impegnativa e io decido di accompagnarlo nel tuffo.

Si rilassa in superficie, si ventila bene, poi un respirone, una capovolta sciolta e giù, pinneggiando fluido. Scivola nel blu fin dove ritiene opportuno, vira sul cavo con stile e inizia a risalire, sempre bello tranquillo. Si sta facendo un tuffo come si deve. Ma sui -20 accade qualcosa, vedo che si irrigidisce – gli occhi si dilatano – rompe la posizione di risalita e con movimento deciso e veemente dell’indice punta a qualcosa proprio nella mia direzione. Dietro di me. Uh. Mi giro in quelli che mi sembrano minuti. E capisco istantaneamente la potenza della locuzione anglosassone “out of the blue“: dalla massa indistinta di acqua blu, intorbidita dal plancoton emerge una testa ENORME. Grigia, con chiazze bianche. Delle dimensioni di una Fiat 500. Decimi di secondo veramente brutti. Cos’è??? Uno squalo bianco grandissimo? La Cosa intanto viene avanti e di colpo capisco: è un pesce luna gigantesco! Nuota orizzontalmente e mi viene quasi addosso. Ora lo vedo bene, anzi benissimo, è massiccio, sarà spesso più di un metro, il corpo circolare del diametro di circa tre metri (ben più grosso di quello che c’è – o c’era -all’acquario di Genova). In giugno, soprattutto in Mar Ligure, di pesci luna ne ho visti parecchi, ma mai così grossi.

Ora che lo spavento è passato (urca  – sembrava veramente la testa di un grande squalo bianco), cerco di fissare nella mia mente l’incontro, così guardo il bestione sfilare nella corrente ed allontanarsi. Un pesce luna, una Mola Mola, ma pensa tu. E sapete cosa vi dico? Che non è vero che i pesci luna sono pesci goffi e babbioni che stanno sempre in superficie a crogiolarsi al sole e nuotano piano: se vogliono hanno una rispettabile velocità di crociera. E, sempre se vogliono, si divertono a spaventare gli apneisti che si allenano al largo…

Annunci


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...